L’importanza della sicurezza nelle strategie di marketing

La sicurezza informatica è diventata una priorità per tutte le aziende, le quali sono continuamente esposte a cyber attacchi.

Nella maggior parte delle imprese, il Marketing viene considerato il punto debole della Cyber Protection soprattutto nella gestione del flusso dati, sia a causa dell’enorme quantità di informazioni che si producono giornalmente, sia per possibili sottovalutazioni nella loro amministrazione.

L’innovazione e la digitalizzazione dei processi e dei sistemi informativi aziendali hanno consentito a molte organizzazioni di essere più competitive ma questo ha significato, al tempo stesso, esporre i dati delle stesse a maggiori rischi.

Come possono le aziende integrare la Cyber Protection con il Marketing?

Nello scenario attuale è sempre più evidente l’importanza della Cyber Protection nel Marketing, basti pensare che un solo attacco informatico può causare ingenti danni economici per le aziende e per i consumatori oltre che un serio danno d’immagine.

Secondo ENISA, l’Agenzia dell’Unione Europea per la Cyber Protection, nel 2021 sono stati osservati solo 66 giorni a rischio zero, cioè senza cyber crime.

L’associazione italiana per la sicurezza informatica, nel primo semestre del 2022 ha rilevato un aumento del 308,8% degli attacchi hacker. Tra le vittime principali ci sono i cosiddetti target multipli che si verificano contro molteplici obiettivi invece di un bersaglio specifico.

Il Marketing è spesso considerato l’anello debole della sicurezza informatica.

È assolutamente necessario ribaltare questa visione e creare uno stretto collegamento fra la Cyber Protection e Digital Marketing attuando strategie mirate a prevenire attacchi e a reagire tempestivamente in caso di incidenti.

La cultura della Cyber Protection

Data la quantità di informazioni sensibili a cui i Marketer hanno accesso e il crescente ricorso a nuove tecnologie per la gestione e condivisione di questi dati, il Marketing è spesso obiettivo del Cyber crime.

È essenziale iniziare a educare le persone che lavorano in questo dipartimento alla sicurezza informatica, con percorsi che consentano di individuare un potenziale attacco e a usare con consapevolezza le tecnologie digitali.

L’obiettivo è passare dall’essere facile bersaglio degli hacker a utenti attivi e consapevoli dei rischi. Diffondere la cultura della sicurezza informatica è fondamentale per evitare ingenti perdite economiche e d’immagine difficilmente recuperabili

In questo scenario i professionisti del marketing possono diventare la prima linea di difesa contro il Cyber risk e contribuire a cambiare la prospettiva con la quale ci si approccia a queste problematiche. Si deve arrivare a comprendere che la Cyber Protection ricopre un ruolo fondamentale che non può essere ignorato.

Le tecnologie che proteggono i dati

Al giorno d’oggi, tutti i consumatori si ritrovano continuamente a fornire i propri dati a una quantità sempre crescente di brand e servizi, basti solo pensare alle newsletters per ricevere sconti o coupon, app per effettuare acquisti su negozi online, tessere fedeltà e registrazione di profili individuali su molti siti.

La maggior parte dei social, su cui si passa molto tempo durante la giornata, ha accesso a varie informazioni, tra cui le ricerche effettuate, interessi personali, geolocalizzazione con luoghi visitati e orari degli accessi.

In Italia, le transazioni digitali crescono ogni anno di più e hanno raggiunto la quota di 400 miliardi alla fine del 2022. Tutte le imprese sono ormai consapevoli di questa tendenza e devono dotarsi di tecnologie sicure per prevenire cyber attacchi.

Oltre a diffondere la cultura della sicurezza informatica è fondamentale l’utilizzo di nuovi strumenti tecnologici in grado di ridurre al minimo il cyber risk.

Il Machine Learning e il Deep Learning possono essere validi alleati in un mondo sempre più digitale e interconnesso. In quest’ottica si stanno studiando applicativi che sfruttano la Computer Vision, Video Recognition e Voice Recognition per proteggere gli utenti da furti e attacchi.

Clonare una carta di pagamento, riuscire a entrare in possesso dei numeri sopra riportati o il semplice furto sono attività relativamente semplici da realizzare che creano enormi disagi. Infatti. molte transazioni non richiedono nessuna prova dell’identità del possessore della carta.

Al contrario, approvare pagamenti digitali integrando il riconoscimento vocale o biometrico potrebbe rappresentare davvero una svolta unica e importante per la sicurezza dei consumatori. Ricercare soluzioni che permettano una Cyber Protection elevata dovrebbe essere uno degli obiettivi più importanti per tutte le imprese.

Creare una strategia di Cyber Data Intelligence in ambito Marketing Intelligence in cui è presente un’integrazione tra educazione alla sicurezza informatica e l’utilizzo di strumenti tecnologici innovativi può davvero aiutare le Aziende ad avere una performance anche e soprattutto nel campo della Cyber Protection

ARTICOLO REALIZZATO DA GAETANO LO PRESTI – DIGITAL PHILOSOPHER

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…

Tecnologia- Transitive Intelligence

IL RITORNO “DELL’UMANO” NELLA TECNOLOGIA: L’ESPERIENZA DI PRAGMA ETIMOS

Pragma Etimos opera da anni nel campo della Data Intelligence.“La tecnica non tende a scopi, non mira al progresso dell’umano. Cosa vuole la tecnica? Vuole sé stessa, il proprio sviluppo. E perché questo? Perché è diventata la condizione universale per realizzare…

Leggi tutto

Artificial Intelligence vs Human Intelligence

CHE COLLEGAMENTO C’È TRA HUMAN INTELLIGENCE E ARTIFICIAL INTELLIGENCE?

Abbiamo creato l’Artificial Intelligence (AI). L’idea è di rendere le macchine in grado di simulare capacità tipicamente umane come il ragionamento, l’apprendimento, la pianificazione, per raggiungere determinati obiettivi. La domanda sorge spontanea: siamo riusciti…

Leggi tutto

Share This