Oggi siamo davanti a una sfida improrogabile: capire in che modo utilizzare la tecnologia come strumento volto alla tutela dell’ambiente e a rendere economia e società più sostenibili. Le strategie sostenibili partono dall’analisi dei Big Data e, ancora prima, dal metodo di raccolta dei dati. È per questo che la Green Data è fondamentale.

La vera svolta è rappresentata dalla crescente capacità di generare, raccogliere e analizzare i dati digitali. Infatti, secondo la Global e-Sustainability Initiative, la tecnologia presenta del potenziale per poter contribuire ai 17 obiettivi Onu per lo Sviluppo sostenibile entro il 2023.

Tuttavia, per arrivare a un futuro sostenibile è necessario ripensare al modo di gestire i dati.

 

Dai Big Data all’informazione che crea valore

Il Covid-19 ha portato con sé una forte accelerazione dei processi di Digital Transformation, sia per quanto riguarda le aziende che la Pubblica Amministrazione. Di conseguenza, sono aumentati anche i dati generati dagli utenti e raccolti dalle organizzazioni pubbliche e private.

La Commissione Europea ha dichiarato che nel periodo 2021-2027 investirà in un progetto ad alto impatto su spazi europei di dati e infrastrutture cloud federate. L’obiettivo è quello di creare una condivisione dei dati, architetture e meccanismi di governance innovativi e sostenibili. È chiaro, quindi, quanto si stia prendendo coscienza del vero valore dei dati e della loro condivisione.

In un articolo precedente sui Big Data abbiamo spiegato come la loro analisi possa portare a un nuovo livello di conoscenza, in grado di guidare le organizzazioni verso decisioni e strategie più consapevoli. Attraverso la Big Data Analytics è possibile descrivere lo stato dei processi aziendali, “predire” il futuro e proporre soluzioni, sia operative che strategiche volte al raggiungimento di determinati obiettivi. In altre parole, rende le organizzazioni Data-driven.

 

Cosa hanno a che vedere i Big Data con la Sostenibilità?

Di Sostenibilità se ne parla tanto, ma la maggior parte delle persone la riconduce unicamente alla tutela dell’ambiente. Bisogna invece avere un approccio ad essa a 360°. Se davvero vogliamo costruire un mondo sostenibile, dobbiamo necessariamente tenere conto di quattro macroaree che si intrecciano e influenzano tra loro:

  • Ambiente
  • Economia
  • Società
  • Digitale

Sono diversi gli obiettivi che possiamo raggiungere attraverso la Big Data Analytics. Vediamone alcuni esempi:

  • Ridurre il consumo energetico e di risorse
  • Monitorare lo stato di salute degli ecosistemi
  • Studiare gli spostamenti dei veicoli per regolare il traffico e minimizzare le emissioni inquinanti
  • Analizzare il sentiment dei cittadini per migliorare i servizi e la qualità della vita
  • Stimare gli effetti sanitari dell’inquinamento atmosferico

Purtroppo, però, la maggior parte di dati che si raccolgono sono destrutturati, obsoleti, incompleti e non in relazione tra loro. In questo modo risultano inutilizzabili per le analisi. Quindi, ancora prima di parlare di Data Analytics, dobbiamo tener conto del metodo in cui i dati vengono raccolti. È qui che entra in gioco la Green Data.

 

Green Data: il metodo di raccolta dati per la Sostenibilità

La tecnologia è entrata ormai da anni, oltretutto in modo pervasivo, a far parte della nostra quotidianità personale e professionale. Attraverso di essa si raccoglie, o piuttosto, accumula un’enorme mole di dati.

Oggi attraverso i nuovi dispositivi con Intelligenza Artificiale integrata, siamo in grado, non solo di raccogliere dati, ma anche di ricavarne informazioni preziose per il business o i modelli di governance. Ma che ne è di tutte quelle piattaforme o dispositivi meno aggiornate che non sono in grado di raccogliere dati strutturati? Sono ancora in uso, anzi, sono le tecnologie più utilizzate.

In altre parole sono decenni che accumuliamo spazzatura digitale, senza poterla “riciclare” per apportare valore.

Il termine Green Data nasce proprio dall’esigenza di fare “pulizia digitale”, è una delle basi della Sostenibilità Digitale. È un metodo di raccolta dati che permette di creare informazione su cui basare analisi e costruire strategie sostenibili. Parte dalla progettazione e gestione della fase di nascita e crescita dei dati per far sì che si trasformino in infodati.

 

Pragma Etimos e la Green Data

Pragma Etimos S.r.l è una scale-up innovativa che opera nel settore della Data Intelligence. Parte dal metodo della Green Data per offrire ai suoi clienti soluzioni tailor-made per la raccolta di dati semantici e di computer vision (audio, video, immagini).

Le nostre Soluzioni

Vulgaris (Semantic Recognition Software Analysis)

Sviluppiamo modelli di dati strutturati e classificati (Intelligence Data Table) frutto di 30 anni di lavoro e li usiamo come base per la costruzione di modelli neuronali, collegamenti territoriali e analisi semantiche. Ricaviamo così informazioni da dati destrutturati, creandone relazioni e classificandoli in modo che siano utilizzabili.

Effigies (Video Recognition Software Analysis)

Sviluppiamo software volti all’analisi dei flussi di dati visivi (video e immagini) che attraverso tecnologie e algoritmi di apprendimento automatico (machine learning) sono in grado di individuare veicoli, targhe, oggetti di varia natura, colori, persone, animali ed estrarne varie informazioni.

Polyphonic (Audio Recognition Software Analysis)

Sviluppiamo tools multi-livello per la definizione di «impronte vocali» e il riconoscimento delle voci estrapolate da file audio indipendentemente dalla sorgente e dalla qualità, utilizzando algoritmi intelligenti di ottimizzazione e riconoscimento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…

green data

CULTURA DEI DATI: LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL PER LA SOSTENIBILITÀ DIGITALE

Avere a disposizione tanti dati, non significa automaticamente creare “intelligenza” e valore. La velocità con cui la tecnologia sta mettendo le radici nella nostra vita non ci ha dato il tempo necessario per renderci conto delle reali conseguenze (positive o negative…

Leggi tutto

big data

BIG DATA E CLUSTERIZZAZIONE SEMANTICA: COME CREARE VALORE A PARTIRE DAI DATI NON STRUTTURATI

Oggi la sfida delle organizzazioni è creare informazione, innovazione e valore a partire dai Big Data. I Dati, infatti, sono l’energia vitale che alimenta tutti i processi aziendali, i progetti e le strategie.   L’importanza dei Big Data Il mercato odierno si…

Leggi tutto

Share This